Le assaggiatrici di Rosella Postorino è un bellissimo romanzo che ci porta nella Germania del nazifascismo attraverso la storia di Rosa che è una assaggiatrice per conto di Hitler. Una storia ispirata ad una storia vera, mai raccontata, quella di Hitler, il mostro, il lupo, nella sua tana – la wolfsschanze – che aveva al suo servizio un gruppo di donne tedesche che assaggiavano il cibo per suo conto, cavie anti-veleno. Mentre leggevo avidamente il libro, mi sono spesso immedesimata al punto di chiedermi cosa avrei fatto io al suo posto. Perché la potenza di queste pagine, che si rivelano via via sempre più intense ed intime,Continua a leggere…

Il “club delle lettere segrete” di Angeles Donate è una lettura consigliata a chi ama i libri semplici e leggeri. E’ una storia che scorre via facilmente, addentrandosi in modo lieve nella vita dei personaggi di un piccolo paese della Spagna. Un luogo dove si conoscono tutti e dove è viva la solidarietà tra gli abitanti. Subito dopo aver finito questo romanzo ho avuto una forte nostalgia per la corrispondenza epistolare di una volta. Nella mia vita di lettere ne ho scritte tantissime, fin da bambina avevo gli “amici di penna”. Oggi scrivere una lettera è obsoleto, risolvi tutto con email o Whatsapp. E’ purtroppoContinua a leggere…

Complice due giorni con lunghi tragitti in metro, sono riuscita a leggere in tempo record “Riparare i viventi” di Maylis de Kerangal. Un libro forte, bellissimo, che non si dimentica. Una storia che parla della vita attraverso la morte. Cos’è la vita? È solo il corpo che possiamo vedere, toccare (quel corpo in cui un cuore può continuare a battere attaccato a una macchina anche quando della persona non rimane niente), un insieme di organi che lavorano senza sosta, o c’è dell’altro? Cosa ci rende vivi, se il cuore che era di Simon, che batteva per lui e insieme a lui può ridare la vitaContinua a leggere…